Sarri: "Juventus la più grande. Ho rispettato tutti. Su Higuain e mercato..."

Sarri:

"Ho rispettato tutti, anche la mia professionalità e il mio percorso". Ne parlero' con la socuieta', non ne abbiamo parlato. Io preferirei non andare in divisa sociale sul terreno di gioco. Lo dice Maurizio Sarri nel giorno della sua presentazione da allenatore della Juventus.

La scommessa delle scommesse: Higuain con Cristiano RonaldoHiguain?

Tutti quasi fuoriclasse che hanno vinto molto rimanendo però a 20 centimetri dalla storia vera.

"Arrivo alla Juventus con scetticismo come dappertutto, dall'Empoli al Napoli fino al Chelsea. Io conosco solo un modo per togliere lo scetticismo dalla gente: vincere e convincere, andare in campo e fare un buono spettacolo".

"Sui cori razzisti non cambio idea se cambio società: penso che in Italia è ora di smetterla". "Sono una manifestazione di inferiorità netta rispetto a quello che si respira negli stadi europei - aggiunge -. E' giusto anche fermare le partite".

Sarri ha ridimensionato il "dito medio" rivolto ad alcuni tifosi della Juventus prima della testata vincente di Koulibaly che, nell'aprile 2018, riaprì momentaneamente il campionato perso dopo una settimana "grazie" all'arbitraggio di Orsato in Inter-Juve e all'atteggiamento dimissionario del Napoli il giorno dopo a Firenze (per Sarri la gara "è stata persa in albergo").

A volte viene da pensare che il pubblico, i tifosi, siano rimasti indietro rispetto alla complessità del calcio, come un figlio che diventa troppo importante per il padre, lui parla di sé e l'altro non capisce cosa dice. Ha mostrato grandi qualita' in Italia, in Premier, a livello internazionale.