Presidente cinese in Corea del Nord accolto da Kim Jong-un

Presidente cinese in Corea del Nord accolto da Kim Jong-un

L'ultima volta che un presidente cinese ha visitato la Corea del Nord è stato nel 2005, quando Hu Jintao ha fatto un viaggio di tre giorni ed è stato ospitato dal padre dell'attuale leader Kim Jong-il.

Xi ha avuto un'accoglienza "regale" al suo arrivo a Pyongyang: atterrato al Sunan International Airport intorno alle 12:00 locali (5:00 in Italia).

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

La Corea del Nord ha dichiarato in dicembre che non rinuncerà alle armi nucleari a meno che gli Stati Uniti non riducano la propria presenza militare in Corea del Sud.

Non si spiega altrimenti la decisione di mettere in agenda questa visita di Stato ipotizzata da mesi proprio ora, e con tante fanfare. Il presidente cinese avrebbe assicurato un ruolo attivo sia nel processo di denuclearizzazione della penisola coreana sia in quello di rassicurazione "verso i timori" del Nord. Kim Jong-un ha aggiunto di voler seguire il nobile esempio dei leader della vecchia generazione nello sviluppare, insieme al compagno Segretario Generale del PCC, le relazioni amichevoli tra Corea del Nord e Cina, prendendo questa visita come nuovo storico punto di partenza da cui iniziare a scrivere un futuro ancor più luminoso per i rapporti bilaterali tra i due Paesi. Il leader cinese è stato accolto per le strade della capitale nordcoreana da una folla di centinaia di migliaia di cittadini, mobilitati alla bisogna dal regime di Kim.

Alla luce dell'influenza di Pechino su Pyongyang, il viaggio di Xi dovrebbe aumentare la leva diplomatica della Cina sul fronte nucleare nordcoreano e rafforzare la sua capacità nel trattare con gli Stati Uniti. "La visita di Xi - ha continuato - ha lo scopo di promuovere pace e stabilità nella Penisola coreana e stabilizzare la situazionenella regione". Mentre la Cina ha tutto l'interesse che Pyongyang non torni fuori controllo, prospettiva concreta dopo i nuovi test missilistici, ma senza vederla scivolare nella sfera di influenza di Seul o in quella americana.