Ore di Le Mans; vince la Toyota di Alonso, Buemi e Nakajima

Ore di Le Mans; vince la Toyota di Alonso, Buemi e Nakajima

"Ogni sport ha le sue migliori o le peggiori domeniche e in F.1 è lo stesso, a volte ci sono gare più divertenti, a volte più noiose, ma cerco di seguire tutto ciò che posso", ha aggiunto prima di dare una risposta secca a chi gli chiede un commento sulla penalità inflitta a Vettel in Canada: "mantengo la mia opinione, perchè non è rilevante e tutti avranno la loro". Non saranno stavolta i vincitori dello scorso anno Alonso, Nakajima e Buemi a scattare dalla prima piazza, bensì i compagni di team Conway, Lopez e Kobayashi.

La Toyota si conferma quindi dominante anche quest'anno sul circuito francese, anche se questa volta gli avversari sembrerebbero meno staccati. La seconda fila è aperta dalla barchetta del team Smp Racing e guidata da Stephane Sarrazin, Egor Orudzhef e Sergey Sirotkin, avvicinatisi a sei decimi dalla vetta. Quarto posto per la Rebellion R 13 di Laurent, Berthon e Menezes. Tra le GTE-Pro, sorride l'Aston Martin, con Nicki Thiim, Marco Sorensen e Darren Turner che portano la nuova Vantage al comando della classifica di classe, seguiti dalla Ford GT di Priaulx/Tincknell/Bomarito e dalla Chevrolet Corvette di Magnussen/Garcia/Rockenfeller. In LMGTE Am Matteo Cairoli ha fatto la differenza con la Porsche, in una doppietta del Dempsey-Proton Racing.

Due mondiali di Formula 1, due vittorie alla 24 Ore di Le Mans e, adesso, anche campione del mondo Wec, il mondiale endurance: Fernando Alonso aggiunge un altro trofeo al suo già ricco palmarès diventando così uno dei piloti più vincenti di tutti i tempi.