Moody's:"Spread più efficace della procedura Ue.Mini-Bot, step verso Italexit"

Moody's:

Se effettivamente introdotti, tuona l'agenzia di rating, i minibot sarebbero "un primo passo verso la creazione di una valuta parallela e la preparazione dell'uscita dell'Italia dall'Eurozona". E questo perché il provvedimento di Bruxelles avrebbe "meno effetto sul Governo di un sentimento di mercato in deterioramento".

"Il semplice fatto che la proposta sia tornata alla ribalta è credit negative", ossia un fattore negativo sul giudizio dell'agenzia di rating.

Incurante del suo ruolo di "giudice" la società ventila la possibilità che senza manovra correttiva il rating sull' Italia, oggi Baa3, diverrebbe facilmente junk, spazzatura, equiparando i Btp a un rischioso investimento speculativo. Nel report circolato questa mattina la società statunitense stima che "il debito pubblico dell'Italia continuerà a salire nei prossimi anni" e l'obiettivo del governo di un deficit al 2,1% del Pil per quest'anno "manca di credibilità".

Sempre Moody's ha elaborato stime diverse, che danno quel rapporto al 2,6 per cento per quest'anno e del 2,7 per cento per il prossimo.

La prossima revisione del rating di Moody's è prevista il 6 settembre, proprio nel bel mezzo dell'approvazione della legge di bilancio in vista della quale il governo italiano promette di dare battaglia sulla flat tax e di non aumentare l'Iva, come previsto al momento per legge.

A proposito della probabile procedura d'infrazione nei confronti dell'Italia da parte della Ue, il presidente dei giovani imprenditori di Confindutria di dice preoccupato dal fatto che "nel caso in cui l'Unione europea aprisse la procedura, il Paese potrebbe finire in panchina", mentre "dobbiamo avere un chiodo fisso, dimostrare affidabilità ed essere credibili".

"Pensare che il problema del debito pubblico sia risolvibile con i minibot è come provarci con i soldi del Monopoli".

"La manovra avrà un percorso molto molto complicato, e anche il paese".