Lavoravano in Svizzera Denunciati 8 falsi disoccupati - Cronaca Olgiate Comasco

Lavoravano in Svizzera Denunciati 8 falsi disoccupati - Cronaca Olgiate Comasco

Percepivano una indennità di disoccupazione (Naspi) ma avevano un regolare contratto di lavoro in Svizzera.

Scattano le denunce. Lavoravano in Svizzera ma prendevano la disoccupazione in Italia. I militari della guardia di finanza della compagnia di Olgiate Comasco (Como) hanno denunciato otto persone per "indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato".

Gli accertamenti sono stati eseguiti nei confronti di lavoratori frontalieri i quali, nonostante fossero destinatari della predetta indennità sociale, risultavano essere ancora in possesso del permesso di lavoro "G" rilasciato dalle Autorità elvetiche.

Questa circostanza ha permesso di approfondire, attraverso controlli incrociati di banche dati e riscontri documentali, le posizioni contributive e previdenziali delle persone coinvolte per le quali non risultava interrotta la carriera assicurativa oltreconfine, testimonianza di una prosecuzione dell'attività lavorativa in concomitanza con i periodi di percezione dell'assegno di disoccupazione.

I soggetti hanno percepito illegalmente le indennità di disoccupazione italiane nel 2016, 2017 e 2018, per un totale di 105'000 euro, che dovranno restituire allo Stato. Gli otto residenti nell'Olgiatese sono stati quindi denunciati per "indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato" (articolo 316-ter del Codice penale) e le erogazioni di disoccupazione sono state immediatamente sospese.