Chi sono i 10 candidati in corsa per la leadership Tory

Chi sono i 10 candidati in corsa per la leadership Tory

Ma ci sono anche Michael Gove, Jeremy Hunt, Sajid Javid, Andrea Leadsom, Dominic Raab, Matt Hancock, Rory Stewart, Esther McVey e Mark Harper.

Resta fuori dai giochi, invece, Sam Gyimah, unico sostenitore di un secondo referendum sulla Brexit, non in grado di raccogliere il sostegno minimo di otto colleghi deputati per entrare in lizza. Sembra un reality, ma è la realtà della politica. Tutti pronti ora ad affrontare le votazioni dei colleghi parlamentari a eliminazione successiva destinate a scattare giovedì 13 per poi proseguire dal 18 al 22 prima di arrivare all'ultimo atto: il ballottaggio fra i 2 superstiti più suffragati affidato al voto postale dei 160 mila iscritti duri e puri del partito, con l'annuncio del vincitore (o vincitrice) previsto nel giro d'un mese per la settimana del 22 luglio.

Ecco una carrellata sugli aspiranti alla guida dei Conservatori e del governo britannico.

Il favorito alla successione di Theresa May, Boris Johnson, ha assicurato che se non ci sarà con Bruxelles un accordo sulla Brexit che garantisca migliori condizioni, Londra non pagherà il conto del divorzio dall'Ue, pari a circa 44 miliardi di Euro. Pirotecnico nelle dichiarazioni spesso ironiche, noto per le gaffe e per il look biondo e non esattamente sempre impeccabile, Johnson è il più popolare dei canditati. Secondo i rumors, Johnson viene dato come favorito. Ambizioso e attivissimo, si è impegnato molto sui temi popolari come la lotta contro la dispersione della plastica.

DOMINIC RAAB: 45 anni, è stato segretario per il negoziato sulla Brexit fra il luglio e il novembre 2018, quando si è dimesso in polemica con la posizione del governo May. Anche lui mira a rinegoziare l'accordo con l'Ue ed e chiede una uscita anche con un 'no deal'.

SAJID JAVID: 49 anni, ministro dell'Interno, musulmano di origine pachistana.

JEREMY HUNT: 52 anni, ministro degli Esteri. Aveva votato Remain al referendum. Mentre Gove continua a contestare la scadenza ferrea del 31 ottobre per la Brexit, evocata da Boris deal o no deal.

ESTHER MCVEY: 51 anni, ministro del Lavoro.