Amazon: arriva Prime Air, il drone per le consegne aeree

Amazon: arriva Prime Air, il drone per le consegne aeree

Nonostante per molti versi possa sembrare un servizio utopistico, in realtà il gigante dell'e-commerce sta facendo enormi passi avanti e la prova è il nuovo drone presentato in occasione della MARS Conference (Machine Learning, Automation, Robotics and Space) di Las Vegas.

Amazon inizierà a consegnare pacchi ai clienti con i droni nel giro di mesi. Inoltre, possiede sei gradi di libertà per il suo movimento e quindi può muoversi longitudinalmente, verticalmente e lateralmente e può ruotare sui tre assi. Il servizio, come fa intendere appunto il nome "Air" usufruirà dei droni per consegnare i pacchi agli utenti in tempistiche veramente ridotte (parliamo di ore). Sicurezza è la parola chiave, come ha spiegato Jeff Wilke di Amazon: "Nel cervello del nostro drone la sicurezza è al primo posto: sarà in grado di evitare parapendii e linee elettriche, ma anche il cagnolino nel giardino di casa". Per capire questo basti pensare al fatto che ci sono droni autonomi ma non in grado di reagire all'inaspettato, che si basano semplicemente su sistemi di comunicazione per comprendere le situazioni in volo. All'evento la compagnia ha infatti portato sul palco il suo ultimo drone per le consegne. Questa area viene determinata usando la vista multi-view stereo in parallelo con sofisticati algoritmi di intelligenza artificiale addestrati per rilevare persone e animali dall'alto. Così potrà volare anche in condizioni meterorologiche proibitive. Attraverso l'uso delle tecniche di computer-vision sviluppate dall'azienda, i droni Amazon sono in grado di riconoscere ed evitare i cavi mentre scendono, e risalgono, sul cortile di un cliente. L'obiettivo è quello di arrivare a spedizioni a zero emissioni di CO2 entro il 2030, utilizzando l'energia solare e le auto elettriche.