Whatsapp, a Londra il nuovo centro per i pagamenti mobili

Whatsapp, a Londra il nuovo centro per i pagamenti mobili

La storia è stata segnalata per la prima volta dal Financial Times e confermata a Forbes da un portavoce di Facebook. Il caso specifico non fa alcuna eccezione, come stiamo per raccontarvi: per riportare in vita i trilli di MSN Messenger, ed incorporarli in WhatsApp, sarà sufficiente installare un'applicazione terza (purtroppo non c'è altro modo per ovviare, visto che la funzionalità non è stata implementata, e probabilmente non lo sarà mai, di default all'interno del codice del servizio), dal nome 'Trillo per WhatsApp', o meglio 'Nudge for WhatsApp', scaricabile gratuitamente dal Play Store a questo indirizzo (per dispositivi Android). L'ingresso del player nel settore è confermato anche dal fatto che l'azienda si prepara ad assumere 100 nuovi impiegati, destinati espressamente a lavorare sulla funzionalità.

WhatsApp, il sistema di messaggistica più utilizzato al mondo, sembra voler cambiare i connotati e per farlo potrebbe seguire i cambiamenti realizzati da tempo da Telegram per quanto concerne una modalità "Dark" ossia completamente scura.

Facebook ha acquistato WhatsApp per 19 miliardi di dollari nel 2014 e il CEO Mark Zuckerberg ha cercato di pensare a come monetizzare la piattaforma da allora.

"Quando guardo a tutti i diversi modi in cui le persone interagiscono privatamente, penso che i pagamenti siano una delle aree in cui si ha una maggiore opportunità di renderli più semplici, questa è tra le cose più importanti che si possono fare qui", ha detto Zuckerberg in riferimento ai pagamenti con WhatsApp.

WhatsApp cercherà senza dubbio di sfruttare la disponibilità di talenti che esistono in città e la società ha detto che gli ingegneri senior del team fondatore di WhatsApp sono venuti a Londra alla fine del 2018 per assumere personale, secondo il FT.

Sì, perché come molti di voi già sapranno, WhatsApp ha già lanciato i pagamenti in-app in India, dove peraltro conta su una vastissima base utenti (200 milioni).

Oltre a creare una funzione di pagamento di WhatsApp, i nuovi assunti mireranno anche a sviluppare prodotti che migliorino la sicurezza e limitino lo spam sull'app.