Samp, l'ultimatum di Giampaolo: "O si cresce o vado via"

Samp, l'ultimatum di Giampaolo:

Anche se dovessi rimanere fermo a casa. Non mi sta bene timbrare un'altra stagione per essere anonimi, non ci sto. Sono sempre molto chiaro, non gioco su due tavoli. Ci dobbiamo incontrare ancora, ci siamo presi del tempo, altrimenti io non sono più proponibile per lavorare alla Samp. Se tornassi indietro" - ha confessato il mister - "lo farei ancora.

Ho chiesto alla squadra di fare un finale da professionisti seri. "L'asticella l'ho alzata io, chiudere questo campionato in maniera dignitosa è il primissimo obiettivo". A tratti la squadra mi ha dato l'impressione di poterci stare in quella corsa, lavoriamo per migliorarci. Voglio, se ci sono le condizioni, fare un altro step perché siamo partiti tre anni fa e pur cedendo giocatori importanti abbiamo sempre migliorato la classifica. E a chi gli chiede a bruciapelo se resterà a Genova per la prossima stagione abbozza: "Vediamo". Queste le sue parole raccolte da TMW: "Dopo la sconfitta contro la Lazio si riparte con il lavoro, ci siamo allenati di più e meglio per arrivare pronti alla sfida contro il Parma".