Multa Antitrust per Vodafone, Wind e Fastweb da 2,2 milioni

Multa Antitrust per Vodafone, Wind e Fastweb da 2,2 milioni

Il comportamento oggetto di indagine vedeva riguardava la tendenza delle compagnie telefoniche, nell'ambito della commercializzazione di servizi di telefonia fissa e mobile, a non consentire alla clientela il pagamento dei servizi tramite domiciliazione bancaria su conti correnti accesi presso Banche aventi sede in Paesi dell'Unione Europea diversi dall'Italia e quindi con Iban non caratterizzati dalle iniziali nazionali "IT...". 9 del Regolamento Ue 260/2012 che stabilisce i requisiti tecnici e commerciali per i bonifici e gli addebiti diretti in euro.

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato una multa complessiva da 2,2 milioni di euro a Vodafone, Wind e Fastweb per aver discriminato gli utenti con conto corrente estero impedendogli di abilitare la domiciliazione bancaria.

Per la multa la società Fastweb, quella con cui l'Autorità Garante è stata più clemente, dovrà pagare ben 600 mila euro.

All'origine delle condotte considerate contrarie al regolamento Ue, c'è la scelta da parte delle società telefoniche del sistema di pagamento Seda, utilizzato prevalentemente da banche italiane, servizio opzionale e aggiuntivo rispetto al sistema dei pagamenti europeo Sepa che non fa distinzione tra pagamenti nazionali e transfrontalieri.

TIM, invece, già nel dicembre 2018 aveva presentato i suoi impegni, evidenziando che entro giugno saranno operative tutte le funzionalità per accettare le richieste di domiciliazione su IBAN esteri. "E mentre aumentano i comportamenti illeciti, gli utenti attendono ancora i rimborsi loro spettanti per le bollette a 28 giorni, vicenda ancora lontana dalla soluzione e che finora ha avvantaggiato enormemente solo le casse degli operatori telefonici" conclude Rienzi. Sempre riguardo a Tim, l'Antitrust ha anche deciso di prorogare al 30 settembre 2019 il procedimento sulla fibra. "In questo caso sia rispetto alla tenuta del conto corrente sia rispetto alla bolletta telefonica" ha aggiunto.