L'Alabama vieta totalmente l'aborto. Si apre la sfida alla Corte suprema?

L'Alabama vieta totalmente l'aborto. Si apre la sfida alla Corte suprema?

La legge permette eccezioni solo "per evitare un serio rischio sanitario alla madre del bambino non nato", per gravidanza ectopica e se "il bambino non nato ha un'anomalia letale", ha riferito la CNN.

Ieri è arrivata anche la firma del governatore dello Stato, la repubblicana Kay Ivey, che ha ufficialmente tramutato il testo nella legge più restrittiva degli Stati Uniti in materia di aborto.

Questa legge rende di fatto illegale l'aborto in Alabama e saranno perseguibili sia le donne che tenteranno di interrompere la propria gravidanza, sia i medici che decideranno di aiutarle: il dottore in questo caso può rischiare una condanna fino a 99 anni di carcere, praticamente un ergastolo. "Naturalmente nessuna ulteriore pena è prevista per gli stupratori". Eppure questa è la nuova realtà in Alabama. "Per i molti sostenitori di questo provvedimento - ha poi twittato la governatrice - questa legge serve a testimoniare in modo possente la profonda convinzione della gente dell'Alabama che ogni vita è preziosa ed è un dono sacro di Dio".

Per questo continuo a ripetere: votate donne che amano le donne, non donne e basta.

L'Alabama ha deciso di abolire quasi totalmente l'aborto. Le seconde sono molto pericolose per i nostri diritti. "Noi non ci fermeremo".