Il 'nocciolinaro' dell'Olimpico è salvo: appello di Lazio e Roma al CONI

Il 'nocciolinaro' dell'Olimpico è salvo: appello di Lazio e Roma al CONI

Se chiedete a un tifoso della Roma o della Lazio come si chiama il simpatico signore coi baffi che vende noccioline allo stadio, la risposta che otterrete non Rolando (il suo vero nome) ma un appellativo con cui tutti lo conoscono da sempre: er Nocciolinaro. Niente più balli nel pre-partita, battute e risate con il "baffo" più famoso dello stadio.

Da decenni, l'uomo compra due abbonamenti in curva, uno della Roma e uno della Lazio, poi imbraccia il suo contenitore con la merce e inizia a vendere confezioni di noccioline.

Intanto il protagonista stesso ha rilasciato un'intervista a Il Paese Sera. "Si faceva un mazzo sulle gradinate, gli tiravamo i soldi e lui ci tirava le noccioline", ricorda qualcuno. Il nonno di tutti che ogni anno si fa due abbonamenti per poter andare avanti nei mestieri di una volta ( Anche Gigino di Maio al San Paolo).

Ora però, l'amico di romanisti e laziali dovrà trovare un altro modo per guadagnarsi da vivere perché all'Olimpico non potrà più mettere piede con le sue noccioline.

Le generalità dell'ambulante non sono note ma l'uomo, che secondo 'La Gazzetta dello Sport' si chiamerebbe Rolando e verrebbe dall'Est Europa, è ovviamente molto conosciuto dai tifosi che frequentano l'Olimpico. "Per far capire quanto ci tenevo io mi mettevo spesso, e lo faccio tutt'ora, qui in quartiere a regalare le bustine ai bambini oppure al centro anziani".

Una figura ormai storica nello stadio di Roma e Lazio. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.