Giro d'Italia, prima tappa: Roglic subito in rosa, Nibali terzo

Giro d'Italia, prima tappa: Roglic subito in rosa, Nibali terzo

"Straordinario Vincenzo Nibali che non ha giocato in difesa ma ha deciso di attaccare, conquistando la seconda posizione a 23" dallo sloveno. "Il campione sloveno si è aggiudicato la crono di Bologna precedendo di 19" un buon Simon Yates. E' caduto in piedi anche il corridore che non t'aspetti, Miguel Angel Lopez. "Deluso lo specialista olandese Doumulin, quinto a 28". Da segnalare il miglior tempo fatto siglare nel tratto in salita da Giulio Ciccone (Trek-Segafredo). Il Giro d'Italia è solo all'inizio. Non è un semplice diario di viaggio di un giro del mondo in bicicletta da Guinness World Record ma il racconto di un percorso di vita nel quale tutti si possono rispecchiare dove dopo tante difficoltà, peripezie, sacrifici e scelte decisive, si puo' arrivare a seguire quelli che sono i reali desideri della propria vita. Nella top ten si posiziona decimo l'italiano Damiano Caruso. "Speriamo nel meteo per sabato, sono convinto che ci sarà una folla impressionante per una tappa meravigliosa che manderà in secondo ordine i disagi per la viabilità e la sicurezza". La previsione è che un gruppetto ristretto riuscirà ad anticipare il finale e presentarsi a Fucecchio per giocarsi la vittoria di tappa o, in alternativa, che una o più squadre facciano corsa dura per eliminare i velocisti (potrebbe, ad esempio, provarci la UAE Emirates per spianare la strada a Diego Ulissi). Nel 2018 Paola ha portato a termine il suo primo Giro di Paola percorrendo oltre 3.000km e 45.000mt di dislivello pedalando da Catania a Roma seguita da due mezzi e un team di 8 persone. Ci sarà anche mio fratello Antonio, ma non perché si chiama Nibali: si è meritato e deve meritarsi la fiducia del team Bahrain-Merida.

Dopo questa ascesa è previsto un piccolo passaggio sul San Baronto prima dell'arrivo a Funecchio.