FS Italiane, piano industriale da 58 miliardi di investimenti

FS Italiane, piano industriale da 58 miliardi di investimenti

Il nuovo piano industriale quinquennale del gruppo Ferrovie dello Stato prevede al 2023 investimenti per 58 miliardi di euro e promette da subito di accelerare 1.600 cantieri al Sud. Sono i numeri del business plan illustrato dall'ad fi Fs Gianfranco Battisti. Un impegno record che conferma il gruppo quale primo investitore in Italia con punte fino a 13 miliardi all'anno. Lo sforzo è sostenuto per il 24% con risorse di gruppo e creerà un indotto per 120mila posti di lavoro all'anno, con 15mila assunzioni dirette in cinque anni e un contributo annuo all'aumento del Pil fra lo 0,7% e lo 0,9%. La crescita stimata all'anno è di 90 milioni di passeggeri in più e, di conseguenza, meno 600 milioni di chilogrammi di CO2 e 400mila auto sulle strade. Al Sud, a cui verrà dedicato il 38% delle risorse, saranno destinati 16 mld di euro per infrastrutture con focus anche sui progetti stradali A2 Autostrada del Mediterraneo, Statale Jonica e A19 Palermo-Catania. Nella previsione di una maggiore concentrazione della popolazione nelle aree metropolitane, una parte consistente di nuovi mezzi sarà dedicata al trasporto locale con 600 nuovi treni regionali, anticipando al 2023 la consegna di 239 convogli, e 1.421 bus di cui oltre 500 a zero emissioni (elettrici/ibridi/a metano). Saranno 14 i nuovi Frecciarossa 1000 per consolidare i collegamenti alta velocità; 714 carri e 100 locomotori di nuova generazione concorreranno ad aumentare la quota modale nel trasporto merci.

Il Piano industriale 2019-2023 prevede, infine, un nuovo ruolo di FS Italiane per la riqualificazione delle città con il potenziamento dei nodi ferroviari, la rigenerazione degli spazi e interventi per migliorare la mobilità in ambito urbano.

Il nuovo Piano industriale 2019-23 di Ferrovie dello Stato è "di ampio respiro ma di rapida efficacia in questi 5 anni", ha detto il presidente di Fs Gianluigi Castelli, sottolineando che "con le iniziative contenute nel Piano possiamo soddisfare i bisogni di mobilità dei nostri passeggeri e dei turisti che arrivano in questo Paese". Non ci sono novità e per noi la scadenza è al 15 giugno. Anas e' a tutti gli effetti un'azienda del gruppo e cerchiamo di integrare e lavorare insieme.

"La mia presenza qui, che come ha detto l'amministratore Battisti è la prima volta che il presidente del Consiglio è presente alla presentazione di un piano Fs Italiane, ha un significato particolare, un gesto di affezione che corrisponde a un reale riconoscimento all'attività che state svolgendo", ha detto il premier nel suo intervento alla presentazione del piano.