Europee: Salvini, è referendum tra la vita e la morte - Primopiano

Europee: Salvini, è referendum tra la vita e la morte - Primopiano

Questo, comunque, dovrebbe essere solo uno dei testi ancora da esaminare e probabilmente accordare con altri, come già era stato nella scorsa legislatura (quando però l'iter della proposta di legge in materia si fermò, dopo l'ok della Camera, in Senato). Chi lo dice, Zingaretti?

"Non è accettabile tra colleghi di governo dire 'no, non mi piace'". Due secondo me, sono stati gli sbagli di Salvini, anzitutto allearsi con chi da subito dimostrava segni di squilibrio politico oltre che infantilismo e proponeva il no a tutto.

Roma, 12 mag. (askanews) - Le prossime elezioni Ue saranno "un referendum tra la vita e la morte", dice Matteo Salvini. Riferimento nemmeno troppo velato all'articolo che vuole limitare i poteri del Ministero dei Trasporti (attualmente diretto dal grillino Toninelli) a favore del Ministero dell'Interno. Scrivere una lettera al ministro degli Esteri e al presidente del Consiglio sui rimpatri mi sembra un'iniziativa ingiusta. "I bastian contrario e i signor no all'Italia non servono, abbiamo bisogno di gente che guardi avanti, che aiuti il paese a crescere, a tornare a correre, ad aiutare le imprese, i negozi". Lo ha detto il vicepremier M5s Luigi Di Maio parlando a margine dei un'iniziativa del forum delle associazioni familiari. Il lavoro da fare adesso sono i trattati di cooperazione internazionale. "Per ridistribuire i migranti la peggior cosa da fare è allearsi con Orban".

Campagna elettorale, la lotta diventa più aspra. "Se qualcuno rimpiange i porti aperti che portavano in Italia più clandestini e facevano morire in mare più persone, sappia che avrà nel sottoscritto un avversario irriducibile". Tra le misure ci saranno "il dimezzamento delle rette degli asili nido; sconti sui pannolini, sulla baby sitter; soldi a chi fa figli, con la proposta di dare ai genitori un assegno unico mensile". E lo stesso Di Maio ha avvertito l'alleato di governo: se non la vota la Lega, lo chiederà al Pd. Nel 2019 c'è stato inoltre "un cadavere recuperato e 402 dispersi (stima Unhcr) contro i 23 morti accertati del 2018, anno in cui la stima dei deceduti e dispersi toccò quota 2.277".