Caso Siri, Giorgetti: "Rompere la coalizione per il caso Siri? Meglio lavorare"

Caso Siri, Giorgetti:

La decisione del premier Conte di chiedere le dimissioni del sottosegretario Siri, indagato per corruzione, preoccupa Giancarlo Giorgetti, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e collega di partito di Siri [il riassunto del caso Siri].

Pordenone, 2 mag. (askanews) - "Cosa volete che vi dica?"

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, a margine di un appuntamento elettorale a Genova ha confermato che il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte e il sottosegretario Armando Siri "si sono incontrati", ma, ha aggiunto: "Non so il contenuto dell'incontro, non so l'evoluzione".

"Queste questioni magari alla gente interessano anche relativamente, ma come governo poi abbiamo anche da prendere provvedimenti, dare risposte sull'economia, sulla sanità, su tutto il resto". "Non si tratta solo di ricordare il passato, la storia e le tante vite umane italiane e non italiane perse, ma anche di una lezione per il futuro in particolare per i giovani", ha ribadito Giorgetti. Se uno non ha fatto nulla giustamente non si dimette. Giornalista professionista, ha lavorato in Emilia per diverse testate (carta, web e tv), prima del trasferimento a Roma.

Nato a Parma il 10 giugno 1985, laureato in Giurisprudenza. Su TPI si occupa di news e approfondimenti.