Agente dei servizi segreti italiani trovato morto a Parigi

Agente dei servizi segreti italiani trovato morto a Parigi

È stato trovato così l'agente dei servizi segreti italiani Massimo I., 50 anni, vicino all'albergo di Montmartre dove alloggiava, a Parigi. All'agenzia AdnKronos fonti dell'ambasciata italiana nella capitale francese parlando di "decesso per cause naturali", ma i siti francesi (il primo a dare notizia della morte avvenuta nella notte tra domenica e lunedì è stato Le Point) aumentano il mistero riferendo di una ferita al mento trovata sul corpo senza vita del funzionario italiano. Sul luogo del ritrovamento sono state rinvenute anche tracce di vomito.

Fonti diplomatiche aggiungono che era a Parigi per un corso di lingua "nell'ambito dei normali scambi fra i due paesi". I tentativi di rianimarlo da parte dei medici della prima ambulanza giunta sul posto si sono rivelati inutili. Il commissariato locale e la polizia scientifica hanno effettuato le prime verifiche e la Procura ha aperto un'inchiesta per accertare la cause della morte del funzionario italiano. La polizia avrebbe ritrovato nella sua cassaforte in hotel una chiave con un codice, una busta con 85 biglietti da 20 euro, una chiavetta USB, un adattatore per scheda di memoria SD e una scheda memoria. In tasca gli sarebbe inoltre stato trovato un biglietto da visita con il nome, il suo impiego, e probabilmente il suo datore di lavoro: "Presidenza del Consiglio dei ministri".