Moise Kean esulta a braccia aperte in risposta ai buu razzisti

Moise Kean esulta a braccia aperte in risposta ai buu razzisti

Ancora, aggiunge Giulini, "c'è un secondo aspetto, che non è minimamente legato al primo e che riguarda un ambito molto sensibile e si chiama Rispetto".

" Anche un solo 'buu' va condannato, sempre. Mah... sono scioccato". E' l'ulteriore messaggio di sostegno di Balotelli a Moise Kean, questa volta lo fa censurando l'atteggiamento del difensore della Juventus che a caldo, al termine della partita, aveva equamente suddiviso le colpe per gli ululati razzisti tra l'attaccante e la curva dei tifosi sardi. Kean ha sbagliato, la curva ha sbagliato Kean sa che quando si fa gol deve pensare a esultare con la squadra e basta, abbracciarci tutti insieme.

"Il miglior modo per rispondere al razzismo".

Stupisce dunque che un calciatore esperto come Bonucci, che dovrebbe essere avvezzo a queste dinamiche e che, in passato, si è reso protagonista (lui sì) di esultanze provocatorie, non abbia preso le difese del giovane compagno di squadra. Anche senza uomini e con un attacco tutto nuovo, perché privo di Ronaldo, Dybala, Mandzukic e Douglas Costa, la capolista ha dato un chiaro segnale di forza.

Sul fronte dei "buu" e fischi all'indirizzo dell'attaccante della Juventus, gli specialisti della Questura visioneranno e ascolteranno tutti i filmati delle telecamere dello stadio, ma anche quelle delle televisioni, per verificare cosa è accaduto e accertare anche se gli insulti siano avvenuti già prima del goal di Kean. "Il razzismo è da condannare sempre in ogni sua anche infinitesimale forma". Gli agenti della Digos lavorano anche per individuare chi ha lanciato i fumogeni prima del match.

Durante un evento della UEFA sull'Equal Game, l'ex giocatore del Manchester City, Yaya Toure, si è soffermato sul caso Kean: "Una disgrazia quello che hanno detto Allegri e Bonucci".