Istat: per l'Italia nuovo record indice vecchiaia, siamo primi in Ue

Istat: per l'Italia nuovo record indice vecchiaia, siamo primi in Ue

E' quanto emerge dal report dell'Istat "Noi Italia".

Italia prima in Europa per indice di vecchiaia - con 168,9 anziani ogni cento giovani - e tra i primi sei Paesi per indice dipendenza, con 56,1 persone in età non lavorativa ogni cento in età lavorativa. Un confronto in cui, sottolinea l'Istat, si deve tener presente della "storia dell'immigrazione" che in certi Stati "ha radici più antiche e una quota più rilevante di residenti originariamente cittadini stranieri può aver acquisito la cittadinanza". Stabile la speranza di vita alla nascita per entrambi i generi: 80,8 anni per gli uomini e 85,2 per le donne, con una maggiore longevità al Nord. In ambito Ue l'Italia è al primo posto insieme a Svezia e Malta per i maschi e al quarto posto per le femmine dopo Spagna, Francia e Lussemburgo (dati 2016). "La stima per il 2018 del tasso di fecondità totale si attesta su una media di 1,32 figli per donna, in linea con il 2017, un valore sensibilmente inferiore alla cosiddetta soglia di rimpiazzo che garantirebbe il ricambio generazionale", rioleva ancora l'Istat. Il Paese, insomma, è "al quattordicesimo posto nella graduatoria decrescente dei 28 paesi, l'Italia segue la Germania (11,2%), la Spagna (9,5%) e il Regno Unito (9,2%)".