Gp di Cina, ottimismo Ferrari. Vettel: "Sarà un weekend giallo e...rosso"

Gp di Cina, ottimismo Ferrari. Vettel:

Mi aspetto che le Mercedes siano piu' vicine rispetto al Bahrain, dove non so bene cosa sia successo. Così il quattro volte iridato ha pensato bene di organizzare una scenetta esilarante, facendo cantare "Tanti auguri a te" direttamente alla folla di fan, mentre lui se la rideva e riprendeva l'accaduto con il suo cellulare.

Dobbiamo soffermarci qualche secondo su questa scelta, in passato era più difficile che una scuderia importante e soprattutto la Ferrari mettesse al volante un driver così giovane; le vetture erano diverse, andavano guidate in maniera anche 'muscolare' e l'ambiente si rivelava deleterio per chi non sapeva gestire la pressione mediatica e quella interiore.

La sorpresa al quarto posto è la Red Bull di Max Verstappen che dispone di una RB15 molto aggiornata dopo i test in Bahrain. Lo ha detto all'ITALPRESS il presidente di Aci, Angelo Sticchi Damiani, a margine dell'evento 'Expo Move', in corso di svolgimento alla Fortezza da Basso di Firenze, parlando delle chance di vittoria della Ferrari al Mondiale di Formula 1. Appare evidente che Valtteri non si è trovato a suo agio su un'asfalto ancora molto scivoloso.

Positiva la prestazione di Daniel Ricciardo sesto con la Renault: l'australiano è il primo degli altri con la R.S.19 con un 1'35 " 239 che basta a tenera a bada gli inseguitori, ma testimonia come il gap dai top team non si sia ridotto. Dopo l'errore del Bahrain, il tedesco ha voglia di riscatto e il tracciato cinese può essere favorevole alla SF90. A chiudere la top 10 troviamo Daniil Kvyat con la Toro Rosso ottava davanti alla rilanciata Force India di Lance Stroll e alla Haas di Romain Grosjean che è riuscito a mettere la sua VF-19 davanti a quella del compagno Kevin Magnussen. Sempre in casa Alfa giornata complicata per Antonio Giovinazzi, che per un problema di montaggio alla power unit ha perso la prima sessione. Nell'ultima conferenza stampa Raikkonen ha elogiato la pista. E tanto basta, almeno per ora, per il pilota polacco.