Vaccini, oggi l'ultimo gi0rno per mettersi in regola

Vaccini, oggi l'ultimo gi0rno per mettersi in regola

Lo chiarisce in un comunicato l'Associazione Nazionale Presidi (Anp): "Lunedì prossimo, per chi non si presenterà a scuola con il certificato richiesto, applicheremo semplicemente la legge". Favorevole all'obbligatorietà anche la mamma della piccola Arianna, Martina Tumiati: "Secondo me hanno sbagliato a toglierlo e poi a rimetterlo, hanno creato solo confusione".

Come ricorda il sito del ministero, il decreto legge n. 73 del 2017 aumenta da quattro a dieci le vaccinazioni obbligatorie per i minori fino ai sedici anni e per i minori stranieri non accompagnati. Questo significa che "negli asili, i bambini sprovvisti di certificato non potranno entrare". Una quindicina i casi conosciuti in Liguria: una decina di bambini a Genova, tre nello Spezzino e almeno due nel Chiavarese che sono stati sospesi dopo le verifiche eseguite dagli uffici comunali che hanno avvertito le scuole e le famiglie. Ho mandato una mail alla dirigente della scuola per avere chiarimenti e se non avrò risposte manderò una pec con una diffida a fare entrare la bambina. Anche alla scuola primaria ci sono bimbi non vaccinati: "Abbiamo due casi - spiega il preside - e per loro abbiamo fatto la segnalazione all'anagrafe, in quel caso parliamo di scuola dell'obbligo e non posso impedirgli la frequenza". "Per questo prima di sottoporre mia figlia ai vaccini voglio avere le mie certezze".

Perché, secondo il più classico cortocircuito cognitivo che si chiama "pensiero motivato", non si tratta di scoprire come stiano le cose, ma di dimostrare quella verità che più ci piace. Alcune centinaia in tutta Italia i bambini degli asili non in regola con le vaccinazioni, che potrebbero restare fuori dalle classi. "Nelle altre scuole, invece, in questi casi è prevista solo una sanzione pecuniaria, e gli alunni potranno entrare lo stesso". Nella sua solita forma - cioè senza nessun dettaglio sperimentale, senza alcuna possibilità di revisione scientifica e senza descrivere dove siano state svolte le analisi - Corvelva riporta l'analisi della concentrazione di 29 metalli in 4 vaccini, concludendo che, eccetto i risultati conformi all'atteso per l'alluminio, gli altri 28 metalli "sono risultati tutti sotto il limite di rilevabilità di 300 ng/g" con una metodica che "rappresenta la tecnica di spettroscopia atomica più sensibile ed è quindi idonea all'analisi quali-quantitativa di elementi in tracce". I controlli, però, hanno mostrato come i due bambini non fossero mai stati immunizzati, contravvenendo agli obblighi di legge (10 vaccini obbligatori: anti-poliomelitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti Haemophilusinfluenzae tipo B, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite e anti-varicella).