Sei Nazioni femminile In campo anche Magatti

Sei Nazioni femminile In campo anche Magatti

Il 16 marzo alle 13.30, all'Olimpico di Roma, va in scena il quarantaduesimo atto di una rivalita' che affonda le proprie radici nel 1935, a Roma, quando i 'galletti' furono la prima delle Federazioni dell'allora Cinque Nazioni a sostenere un test-match contro gli Azzurri, proprio a Roma: e' l'ultima giornata del Guinness Sei Nazioni 2019, e' la centesima partita dell'Italia nel Torneo, e' il test-match numero cinquecento della Nazionale Italiana Rugby, un traguardo che in novant'anni di storia ha visto 685 atleti indossare la maglia dell'Italia. L'allenatore azzurro Conor O'Shea e' convinto: "Giocheremo contro una squadra molto forte come sempre capita al Sei Nazioni. Credo ancora di piu' che una grande prestazione sabato prossimo potrebbe essere un giusto riconoscimento per loro e per tutto il gruppo".

Arbitro del match l'inglese Matthew Carley. che per la prima volta dirigerà una gara dell'Italia. Insieme a lui ci saranno Ghiraldini e Pasquali, promosso titolare al posto di Ferrari. Torna dal primo minuto Jake Polledri, che ha riassaporato il campo nello scorso turno subentrando a partita in corso e che in terza linea completerà il reparto insieme al capitano Sergio Parisse - alla presenza numero 138 con l'Italrugby - e Braam Steyn. Confermata la mediana Tebaldi-Allan e le ali Esposito e Padovani, così come Hayward ad estremo. Novita' anche in seconda linea con l'inedita coppia Ruzza-Sisi. Sara' una grande sfida per lui contro Fofana e Bastareaud. A disp: 16 Camille Chat, 17 Dany Priso, 18 Dorian Aldegheri, 19 Paul Gabrillagues, 20 Arthur Iturria, 21 Baptiste Serin, 22 Camille Lopez, 23 Thomas Ramos. Il ko pesante con l'Inghilterra ha tolto a O'Shea quegli alibi che era riuscito a trovare nei primi turni, quando l'Italia aveva chiuso con passivi limitati (meritatamente con l'Irlanda, grazie alle avversarie con il Galles e soprattutto la Scozia, ndr.) e tra sconfitte e infortuni gli azzurri arrivano all'appuntamento di sabato con mille dubbi. La squadra di Brunel di certezze ne ha poche, una tra tutte la forza del proprio impatto fisico, ed è proprio su quelle che cercherà di mettere in difficoltà l'Italia, che dal canto suo proverà a minare proprio quelli che i francesi considerano dei punti di forza.