Golf, rimonta di Francesco Molinari e trionfo nell’Arnold Palmer

Golf, rimonta di Francesco Molinari e trionfo nell’Arnold Palmer

Sul percorso del Bay Hill Club & Lodge di Orlando (Florida), il golfista italiano è stato, poi, grande protagonista di un 4° giro in 64 colpi, che gli ha permesso di chiudere davanti all'inglese Fitzpatrick, secondo per due colpi.

Ma è in questo momento che scende in campo un Francesco Molinari completamente diverso che mette in campo ben 8 birdie e 10 par con un giro da 64 colpi.

"Spero ci stia guardando e sia orgoglioso di quanto sono riuscito a fare". Con il successo in rimonta nell'Arnold Palmer Invitational l'azzurro è passato dalla decima alla settima posizione nel world ranking.

"Sabato mi sono reso conto - continua il torinese - che i green sarebbero diventati più duri e veloci e che ci sarebbe voluto un putter caldo come quello che ho avuto io nell'ultimo giro. No, non sono in grado di indicare qualche parte del mio gioco che mi dia la possibilità di poter ottenere score così bassi: credo sia solo il frutto del gran lavoro fatto in inverno, sia sull'aspetto tecnico, che su quello mentale". Nella FedEx Cup si è portato dalla 151ª alla 20ª piazza e ha ricevuto un assegno di 1.638.000 dollari su un montepremi di 9.100.000 dollari.

Alla terzultima buca sfiorato addirittura l' "eagle", ma il primato ormai era consolidato, in attesa di un finale che ha esaltato il pubblico americano: pallina imbucata da tredici metri e mezzo ed esultanza da calciatore, accompagnata dalla standing ovation per un giocatore capace, durante il torneo, di centrare addirittura una hole in one da 185 metri.

Nel suo palmares figurano infatti anche un major (Open Championship, 2018) e cinque successi all'European Tour.