Francia. Macron scrive una lettera agli europei per un 'Rinascimento' comune

Francia. Macron scrive una lettera agli europei per un 'Rinascimento' comune

Nella lettera divisa in tre paragrafi principali - "Difendere la nostra libertà", "Proteggere il nostro continente" e "Ritrovare lo spirito del progresso" - Macron comincia col citare l'esempio della Brexit, un "simbolo della crisi dell'Europa che non ha saputo rispondere al bisogno di protezione dei popoli dinanzi ai grandi shock del mondo contemporaneo". Non abbiamo altra scelta, che combinare le nostre forze se vogliamo guadagnare la nostra autonomia strategica e in definitiva la nostra vera sovranità": "lo ha affermato il presidente francese Emmanuel Macron, che ha chiuso a Parigi i lavori della sessione inaugurale del "College dei servizi segreti in Europa", che ha riunito i responsabili dell'intelligence dei Ventotto Paesi membri dell'Ue e di quelli di Svizzera e Norvegia.

Una frase, non discussa da Fazio, che non è piaciuta alla leader di Fratelli d'Italia, che ha replicato stizzita, prima etichettando Fazio quale "servo tra i servi", e poi aggiungendo che "Dato che è pagato con milioni di italianissimi euro per dire che l'Italia è una colonia francese, sarebbe bene fosse spedito a farsi stipendiare dai suoi amici d'oltralpe". "Chi disse ai britannici la verità sul loro avvenire dopo l'uscita della Gran Bretagna dall'Ue?" Mai dalla seconda guerra mondiale l'Europa è stata così necessaria. Scudo sociale europeo e salario minimo europeo, nuova politica industriale, difesa comune, banca per il clima, diritto d'asilo comune e controllo comune delle frontiere esterne sono proposte molto concrete: le proponiamo da tempo e rispondono ai nuovi bisogni degli Europei. Queste proposte dovrebbero essere realizzate in una "conferenza per l'Europa" che il presidente francese spera di organizzare entro la fine del 2019. Si tratta di un messaggio diviso in tre parti in cui Macron propone di creare entro fine anno, con i rappresentanti delle istituzioni comunitarie e degli Stati, una conferenza per l'Europa che proponga riforme per rilanciare l'Ue, anche attraverso una revisione dei trattati. Avremo dei disaccordi, ma è meglio un'Europa fossilizzata o un'Europa che progredisce, talvolta a ritmi diversi, rimanendo aperta a tutti? Quindi l'invito rivolto a tutti i cittadini europei a "tracciare insieme il cammino di un Rinascimento europeo".