Alitalia, commissari: "Fs decida"

Alitalia, commissari:

Una richiesta, quella dei commissari, che con le parole di Daniele Discepolo, nel corso di un'audizione alla Camera, ha assunto i toni dell'ultimatum in vista della richiesta di un'ulteriore proroga per la presentazione dell'offerta finale da parte del gruppo guidato da Gianfranco Battisti. "Ferrovie, che hanno dato una disponibilità ferma, o si danno da fare e ci portano una richiesta di proroga, con documenti sulla trattativa, o rinuncino e ce lo dicono chiaramente: non possiamo portare avanti" il negoziato "senza limite". "L'azienda ha ottenuto un grandissimo miglioramento tanto da essere assolutamente appetibile", ha dichiarato. "I progressi compiuti in questi mesi necessitano di ulteriori approfondimenti per giungere alla definizione di un modello industriale sostenibile", conclude la nota. "Queste sono attività gestionali che andrebbero condivise con il potenziale acquirente". Paleari ha poi riferito che dopo essere scesa a 474 milioni a gennaio, alla fine dello scorso mese la cassa della compagnia si è attestata a 486 milioni, ai quali vanno aggiunti circa duecento milioni di depositi. Insomma: Alitalia si sta rimettendo in piedi, ma occorre definire la strategia futura in accordo con una nuova compagine azionaria per evitare di perdere anche quest'ultima occasione.

"Ferrovie dello Stato sta proseguendo le interlocuzioni con un ristretto numero di player industriali al fine di determinare le condizioni per la formazione di una compagine azionaria che si candida a rilevare gli asset di Alitalia", si legge in una nota. Discepolo ha quindi osservato che "il termine del 31 marzo" per presentare il piano industriale da parte di Fs "deve essere messo in relazione al termine del 30 giugno per il rimborso del prestito-ponte".

Ribaltamenti e ribaltoni eventuali che rischierebbero di riportare in alto mare la situazione di Alitalia, vanificando i risultati ottenuti dalla gestione commissariale. La risposta di Discepolo: "Non possiamo pensare a proroghe di mesi per il sovrapporsi di eventi politici che possono alterare la posizione di Alitalia, ci siamo dati massimo 3-4 settimane". Ci sono i tempi per completare la procedura di trasferimento delle attività aziendali.