Caso di sospetta meningite a scuola: il ragazzo sta bene

Caso di sospetta meningite a scuola: il ragazzo sta bene

Un sospetto caso di meningite è stato registrato ad Avellino.

Il 13enne quando è arrivato in ospedale dopo un primo ricovero in pediatra è stato trasferito presso il reparto di malattie infettive dove si trova tutt'ora.

Le sue condizioni al momento sono buone e stabili: il ragazzo infatti sta rispondendo bene alle terapie ed al momento non desterebbe preoccupazioni. Questo perché la scuola era stata chiusa da giovedì a sabato per la festa dei santi Patroni, prima cioè che il giovane finisse ricoverato con i sintomi della meningite. Saranno sottoposti a profilassi i familiari e le altre persone venute a contatto con il 13enne a scopo cautelativo. Pertanto, non sono necessari interventi di profilassi specifica a carico dei contatti (compagni di classe e docenti) o particolari misure di bonifica di ambienti e arredi. La preside dell'istituto, che nelle ore della crisi non ha mai lasciato la scuola, racconta: "I nostri telefoni sono stati presi d'assalto dai genitori allarmati".

Al ragazzo, le cui analisi hanno poi evidenziato una infezione da pneumococco non contagiosa, la preside manda quindi gli auguri di una pronta guarigione, nella certezza di vedere finalmente disinnescata una situazione potenzialmente esplosiva.