Anziana con meningite ricoverata al San Paolo di Savona, avviata profilassi

Anziana con meningite ricoverata al San Paolo di Savona, avviata profilassi

E' quanto avvenuto a Città di Castello, dove ad una bidella di 50 anni è stata diagnostica una meningite meningococcica, con ricovero prima ad Umbertide e poi a Castello, in condizioni gravi e con prognosi riservata. Il suddetto intervento è stato mirato alla significativa riduzione del rischio di casi secondari, sottoponendo alla profilassi - oltre agli operatori sanitari venuti in contatto con la donna - ben 262 persone esterne, di cui 216 bambini frequentanti scuole primarie e secondarie di Umbertide.

Al contempo la Asl2 ha avviato la profilassi antibiotica a tutela dei contatti stretti della paziente.

Contestualmente è stata attuata auna fondamentale azione di informazione dei genitori dei bambini e il personale del Servizio Igiene e Sanità Pubblica della ASL ha risposto a tutti i quesiti posti. Rapidamente informati anche i pediatri di territorio.

La nota L'intervento complesso - ancora la Asl - perché organizzato in tempi strettissimi nei giorni di sabato e domenica con le scuole chiuse, ha visto il coinvolgimento di una task force rappresentata da più medici e operatori del servizio di Igiene e sanità pubblica della Asl Umbria1, nonché da farmacisti e con l'apporto della dirigenza scolastica, del Comune e della polizia municipale di Umbertide.

Il sindaco Luca Carizia e la giunta ringraziano tutti i soggetti che hanno portato a termine il piano sanitario di profilassi, tra operatori sanitari e ospedalieri, dipartimento di Prevenzione Usl Umbria 1, Direzione sanitaria ospedaliera, Pronto Soccorso e forze dell'ordine.