"Volevi che non fossi mai nata": una bambina compie un gesto estremo

Il caso della bambina suicida "per fare felice la mamma" sta commuovendo il mondo intero. In Messico una bambina di 10 anni si è suicidata e, in una drammatica missiva trovata accanto al suo corpo senza vita, ha spiegato in modo esaustivo la motivazione del gesto: voleva rendere la sua mamma la donna più felice al mondo.

Stando a quanto si apprende dal quotidiano in questione, infatti, la bambina avrebbe scritto all'interno di questa lettera di essere profondamente addolorata per la vita di sua madre, e che se lei si fosse tolta la vita sarebbe stato il più grande regalo per quest'ultima da ricevere, dal momento che le diceva sempre che avrebbe preferito che non fosse mai nata.

Voglio chiedere a mia madre di essere calma, di non lavorare molto, il regalo migliore che posso chiedere è la sua felicità, spero che un giorno ti ricorderai di me e, in cielo, finalmente mi abbraccerai. "Non so cosa risponderle, questi soggetti io li ho rimossi perché per me non esistono, per me esiste solo mia figlia per come era e sarà mia figlia, ovvero una ragazzina dolce", dice la donna commossa.

I figli, al di là di queste situazioni estreme, ci lanciano sempre dei segnali e non restano mai estranei alle situazioni domestiche, ai problemi economici e agli squilibri di coppia, pertanto, al di là di una preghiera doverosa per quest'anima sola e disperata, va fatta certamente una riflessione sul perché noi adulti, genitori, zii, educatori o amici, riusciamo a rimanere così sordi e ciechi dinnanzi ai segnali che il i piccoli ci trasmettono con tutta la loro forza. Le autorità di Aguascalientes, in Messico, stanno indagando sulla morte e hanno confermato la causa del decesso come strangolamento per impiccagione.

Unimamme, cosa ne pensate di questa vicenda di cui si parla su Mirror Uk?