Verissimo, Fabrizio Corona: "Sono malato di soldi, voglio 30-40mila euro nella bara"

Verissimo, Fabrizio Corona:

Chi è la nuova fiamma di Fabrizio Corona?

Anche i suoi chiacchierati guai giudiziari costituiscono una parte fondamentale del suo libro: attualmente gli è stato concesso l'affidamento terapeutico dal Tribunale di sorveglianza di Milano, ma gli anni trascorsi in carcere lo hanno segnato profondamente. Mi risponde subito e le basta un attimo per intuire che ho problemi. La conduttrice lo invita ad andare a rimetterselo. Parlando del suo libro, Fabrizio Corona si è raccontato a Verissimo, trasmissione Mediaset condotta da Silvia Toffanin. Battisti, che è un criminale, è uscito dall'aereo senza manette, libero, io avevo addirittura quattro paia di manette. In realtà, ho cominciato io, poi lei l'ha fatto per ripicca. Nella mia vita ho affrontato due aborti naturali, uno con Nina Moric che aspettava due gemelli e uno con Belen.

"In passato ho fatto uso di cocaina, ma ho smesso da tantissimo tempo - ha confessato -".

Ecco le parole di Corona che riferisce quanto accaduto dopo aver ricevuto la brutta notizia sul figlio Carlos: "Piango, sto male, come se mi fosse crollato il mondo addosso". Negli anni ne ho guadagnati tantissimi e avere tanti soldi in tasca mi dà sicurezza, anche per questo mi sto curando, vado da uno psichiatra - ha spiegato -. "Spero che un giorno possiamo tornare amici e andare a prenderci un caffè". Con Fedez e poi?" e l'ex paparazzo fa esplodere la bomba: "Sì parlo di Fedez, parlo di un altro cantante, di un calciatore... io ho le mie colpe con Silvia però...", "I tradimenti di cui parli sono veri?" e Corona: "I tradimenti sono veri, quelli che so io sono veri, poi magari non sono veri ma io so che lo sono cioè è la mia opinione e il mio punto di vista... quando esci dal carcere hai esigenze fisiche, qualcuno in modo normale e qualcuno in modo compulsivo. Fuori dal carcere avevo iniziato delle cure estetiche che ho dovuto continuare anche mentre ero dentro.Nel carcere la palestra è l'unico luogo a non essere controllato dalle guardie. Quando bisogna litigare o regolare dei conti si va lì, e io a San Vittore ho litigato parecchio.