Settore auto in flessione dopo dati immatricolazioni Italia

Settore auto in flessione dopo dati immatricolazioni Italia

"Il 2019, invece, si apre con un'imposizione aggiuntiva per gli acquirenti di nuove autovetture che andrà a colpire non soltanto quelle di lusso o di grossa cilindrata, peraltro già assoggettate al superbollo, ma alcune versioni di modelli diffusi sul mercato, in particolare, presenti nella prima fascia soggetta al malus".

Fiat Chrysler Automobiles ha fatto peggio del mercato.

"Le prestazioni di quest'anno - commenta soddisfatto il numero uno dell'area vendite per gli Stati Uniti, Reid Bigland - sottolineano gli sforzi che abbiamo intrapreso per riallineare la nostra produzione, offrendo ai consumatori statunitensi più veicoli Jeep e camioncini Ram". "Inoltre, la marginalità delle vendite dei concessionari è stata molto condizionata dai km zero, i cui volumi sono cresciuti rispetto al 2017 (+2,3% secondo dati Dataforce)". Nell'ultimo mese dell'anno il volume globale delle vendite (461.347 autovetture) ha dunque interessato per il 26,89% auto nuove e per il 73,11% auto usate.

Anno eccezionale per Stelvio che con oltre 12.800 registrazioni è la vettura più venduta della sua categoria: le vendite sono il 68 per cento in più e la quota nel segmento del 27,6 per cento. La loro quota di mercato è così passata dal 5,6% al 7,2%. In leggero calo il Gpl sia nel mese sia nel cumulato 2018, dove chiude stabile al 6,5%.

Secondo il Nada, l'associazione dei concessionari degli Stati Uniti, nel 2019 le immatricolazioni Oltreoceano sono previste in flessione tra il 2 e il 3%. In crescita le vetture ibride del 13,6% in dicembre e del 30% nel totale 2018, archiviando in entrambi i periodi una quota del 4,5%. Le difficoltà che stanno incontrando le motorizzazioni diesel emergono anche dall'analisi dello stock di autoimmatricolazioni per alimentazione che, al 31 agosto 2018 (dato ad oggi consolidato), su un totale di oltre 178.000 unità, erano costituite per il 69,1% da vetture diesel, quota che sta registrando progressivi aumenti. "Vediamo le vendite - ha annunciato ancora Bigland - rimanere solide nel 2019 e non vediamo l'ora di espandere il nostro portafoglio di veicoli con l'aggiunta del tanto atteso Jlad Gladiator". Segnando il livello più alto dal 2001 quando le vendite avevano raggiunto 1.833.186 veicoli.