RC Auto: 1,2 milioni di italiani pagheranno di più nel 2019

RC Auto: 1,2 milioni di italiani pagheranno di più nel 2019

In questo contesto di aumento dei costi per chi rinnova l'assicurazione auto, la luce in fondo al tunnel va cercata in quel calo del 10% di denunce di sinistri con colpa rispetto allo scorso anno. Da segnalare che il premio medio di dicembre 2018 è aumentato e ha toccato quota 580,67 euro.

Il nuovo anno si apre con una brutta notizia per quasi 1,2 milioni di italiani, tanti sono gli automobilisti che, secondo l'analisi fatta da Facile.it, avendo denunciato alle assicurazioni un sinistro con colpa avvenuto nel 2018, vedranno aumentare la propria classe di merito e, insieme ad essa, il costo dell'RC auto.

Dati interessanti arrivano anche esaminando le professioni dichiarate in fase di preventivo di rinnovo; i liberi professionisti sono la categoria professionale che in percentuale maggiore ha denunciato sinistri con colpa e, tra loro, il 3,32% vedrà un peggioramento della classe di merito. In termini percentuali si tratta del 3,83% del campione analizzato, ovvero 500.000 preventivi di rinnovo RC Auto sulle pagine del portale, e questa è forse la sola ottima notizia dello studio. Se gli uomini che hanno denunciato incidenti con colpa rappresentano il 3,55% per genere, le donne sono il 4,33%.

Nel complesso, secondo il sondaggio, il 3,55% degli automobilisti che vedrà aumentato il costo dell'assicurazione auto è di sesso maschile mentre il 4,33% di sesso femminile, e l'età media è invece di circa 46 anni. Secondo i risultati dell'indagine, nel 2018 sono oltre 11 milioni di automobilisti che sono riusciti a ridurre la spesa trovando un'offerta migliore. Gli automobilisti meno prudenti in assoluto sono i pensionati, tra i quali il 4,46% subirà un aumento delle tariffe RC auto.

L'area con i valori più bassi è invece Catanzaro, dove solo lo 0,69% degli automobilisti ha denunciato un incidente con colpa, praticamente la metà del dato registrato a Reggio Calabria (1,69%). La terza strada è quella dei broker, che personalizzano la polizza (tagliandola su misura in base alle esigenze del cliente), anche se prendono in esame solo un numero ristretto di imprese.

Le differenze negli aumenti possono cambiare anche da regione a regione: la percentuale più alta di automobilisti che hanno denunciato all'assicurazione un sinistro con colpa che farà scattare l'aumento delle tariffe Rc Auto è la Liguria (5,09%), seguita dal Lazio, dove il 4,95% degli automobilisti vedrà un aumento delle tariffe assicurative. Le regioni dove invece le percentuali sono calate maggiormente sono l'Umbria (passata dal 6,22% al 4,53%), la Basilicata (da 2,76% a 1,53%) e il Friuli-Venezia Giulia (da 4,39% a 3,32%).