Ministro Interni Polonia: accordo con Salvini sul rinforzo confini esterni Ue

Ministro Interni Polonia: accordo con Salvini sul rinforzo confini esterni Ue

In sottofondo hanno intanto suonato le trombe, come da tradizione.

In questa lunga conferenza stampa Matteo Salvini non ha chiuso all'accordo con il M5s in Europa: "Ci penseremo per il futuro, rispetto a cinque anni fa siamo cambiati entrambi vedremo come andrà".

L'Italia è il terzo partner commerciale della Polonia, con un interscambio di 22 miliardi di euro, che è superiore a quello che abbiamo con la Turchia o con la Russia.

Un viaggio da parte del leader del Carroccio che una chiara missione da raggiungere: "Mi piacerebbe che ci fosse un'alleanza comune di chi vuole salvare l'Europa anche se puntiamo ad essere il secondo partito".

Per colpa di queste divergenze, a Varsavia, il ministro dell'Interno italiano si è trovato ad essere contestato nel momento di incontrare l'omologo Joachim Brudzinski e il Partito diritto e giustizia guidato da Jaroslaw Kaczynski.

Varsavia, 9 gen. (askanews) - Il governo polacco condivide le posizioni di Matteo Salvini su "diverse questioni europee".

Ma il nostro ministro dell'Interno, nonostante tutto, oggi ha dovuto inghiottire, a sua insaputa, un boccone amarissimo: il fatto che il presidente del Consiglio Conte abbia accettato di accogliere una parte dei 49 migranti bloccati a bordo delle navi di due Ong. E Matteo Salvini, vice premier italiano, no.