Meningite a Montecitorio, ragazzo ricoverato: profilassi alla Camera

Meningite a Montecitorio, ragazzo ricoverato: profilassi alla Camera

Caso di meningite in Valsugana: il paziente sta bene, i familiari sono stati sottoposti a profilassi. Il giovane aveva partecipato ad un convegno a Montecitorio dedicato alla Shoah. Tra loro il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti e la presidente dell'Unione delle Comunità ebraiche italiane, Noemi Di Segni.

In misura precauzionale, il Dipartimento di prevenzione della Asl Roma 1 ha consigliato ai presenti di sottoporsi alla profilassi, pur specificando che il rischio di aver contratto l'infezione è basso. Così l'Asl ha rassicurato in una lettera. Questa procedura per gli adulti consiste in "500 mg di ciprofloxacina in dose singola" e per i bambini in "10 mg/Kg/die di rifampicina in due somministrazioni giornaliere per due giorni". I rischi di contagio per i presenti alla cerimonia sono comunque bassi anche se a scopo cautelativo le autorita' sanitarie di Montecitorio suggeriscono ai presenti una profilassi a base di antibiotici. Il timore, infatti, è quello di essere contagiati da chi era al convegno e ora gira per il palazzo.