Di Maio e Di Battista on the road: "Si va a Strasburgo"

Di Maio e Di Battista on the road:

"Ci sono due parlamenti, uno a Bruxelles e uno qui". Una legislatura europea quindi può costare un miliardo di euro all'anno, soltanto per fare una marchetta ai francesi i quali evidentemente non sono mai stati contrastati. Successivamente, per fortuna (o sfortuna, a seconda dei punti di vista) degli italiani, i due hanno potuto proseguire nel loro viaggio alla volta di Strasburgo. Cominciamo a recuperare risorse su tante cose. Gli fa eco Alessandro Di Battista, da poco tornato dal suo lungo viaggio in Sud America: "L'Europa o si mette in testa che si cambiano i trattati o crolla, e se crolla l'Europa non è colpa del M5s. C'e' da fare una battaglia sul merito di alcuni trattati: allargare la platea di chi beneficia di diritti economici e sociali e aumentare i fondi per i dissesto", dice Alessandro Di Battista in diretta facebook con Luigi Di Maio.

"Attraverseremo alcuni Paesi europei per far vedere che gli italiani vivono in condizioni svantaggiose rispetto ad altri - spiega Di Maio, mentre paga il pedaggio - vogliamo cambiare questa Europa". "Ma noi dobbiamo fare quota 41, il vero superamento totale della legge Fornero e aumentare la platea dei beneficiari del reddito di cittadinanza", ha aggiunto Di Maio.

Il vicepremier ha fatto sapere che "il sito internet per chiedere il reddito di cittadinanza sarà pronto nel mese di marzo. Grazie al lavoro con Inps, con Poste e i centri dell'impiego ce la faremo". Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista avevano annunciato su Facebook un evento a sorpresa: "Non vi rivelo altri dettagli anche per evitare l'assalto della stampa", aveva scritto il vicepremier sulla sua pagina Facebook.

"Stiamo andando a Strasburgo, di nuovo insieme dopo qualche mese di distanza". Sono molto contento e fiducioso che si possano fare delle belle cose in Italia e si possano mandare messaggi interessanti in Europa da qui alle elezioni europee. "Per quanto riguarda l'Unione Europea, seguivo il tira e molla sulle percentuali da lontano, mi ha indignato dover combattere per ottenere il minimo".

Di Battista, che nel frattempo stava parlando di trattati europei, ha dovuto chiudere la diretta.

"Cambiamo questa Europa per fare una legge di bilancio, alla fine del 2019, che possa essere ancora piu' importante per i cittadini".