Dal 2 gennaio iniziano i saldi invernali anche a Catania

Dal 2 gennaio iniziano i saldi invernali anche a Catania

I negozianti sono obbligati a sostituire eventuali articoli difettosi, anche se viene dichiarato che i capi in saldo non si possono cambiare. Se, invece, il difetto si presenta successivamente all'acquisto, il prodotto deve essere cambiato, ma il cliente può anche decidere di ottenere la restituzione dei soldi. A parte qualche acquisto (tipo l'intimo, o sciarpe e guanti) sembra che, specie per i capi spalla o quelli più pesanti e che incidono maggiormente sul budget familiare, i consumatori preferiscano attendere l'inizio dei saldi. "Ancora di più in un momento in cui la combinazione di diversi fattori (calo dei consumi, crescita del commercio elettronico, cambiamento degli stili di vita...) rende sempre più difficile mantenere in vita la rete dei cosiddetti negozi plurimarca; riportare i saldi a fine stagione, limitarne la durata, rendere tutto chiaro e trasparente è semplice, è nell'interesse di tutti" conclude la nota.

- Consigli per gli acquisti.

- Servirsi preferibilmente nei negozi di fiducia o acquistare merce della quale si conosce già il prezzo o la qualità in modo da poter valutare liberamente e autonomamente la convenienza dell'acquisto.

6 GENNAIO Un po' in ritardo rispetto alle altre sarà la Sicilia, che esporrà la merce in saldo il giorno dell'Epifania, il 6 gennaio. Diffidare delle vetrine coperte da manifesti che non vi consentono di vedere la merce in vendita. "Speriamo che non sia vanificato anche il risultato dei saldi". E' rimesso alla discrezionalità del negoziante.

- Fregature. Se pensate di avere preso una fregatura rivolgetevi al Codacons, oppure chiamate i vigili urbani. E per la prima volta i saldi mettono d'accordo commerciati e consumatori. Le date di inizio degli sconti variano da regione a regione, ma in tutta Italia sarà possibile concedersi spese pazze.