Capello: "Una comica lo scudetto all'Inter del 2006"

Capello:

"Mi sembra una cosa giusta, è comico sia stato assegnato all'Inter, che arrivò terza ed era anch'essa indagata", l'affondo dell'ex Ct di Russia e Inghilterra. È quanto afferma Fabio Capello, a Radio Anch'io Sport, sulla vicenda dell'assegnazione dello scudetto 2006 all'Inter ai tempi di Calciopoli, dopo la revoca dei titoli vinti dalla Juve da lui allenata. "Guido Rossi agì troppo frettolosamente", sotolinea l'ex tecnico riferendosi all'operato dell'allora commissario straordinario della Figc, poi deceduto nel 2017. Bisogna cercare di riportarlo a quei livelli che tutti conosciamo. "La qualità è sempre importante, fisicamente c'è un calo però l'intelligenza tattica e la capacità di essere presente nel posto giusto al momento giusto la si vede sempre, anzi si migliora". Una cosa ingiusta e non rispettosa dei tempi e delle regole. In questa maniera si aiuterebbe il pubblico sano, quelli che vogliono vedere giocare, e si spingerebbe quelli che fanno i buu a smettere e vergognarsi di quello che stanno facendo.

"I giocatori dovrebbero sedersi in campo in caso di cori razzisti, non prenderebbero così delle sanzioni contro di loro, si educherebbe il popolo sano''". Mancini ha fatto un buon lavoro mettendoli già alla prova con la maglia azzurra.