Cannabis: il M5S propone una nuova legge per la legalizzazione

Cannabis: il M5S propone una nuova legge per la legalizzazione

Se il disegno di legge fosse approvato, ha sostenuto Mantero in un post apparso il 9 gennaio sul blog di Beppe Grillo, sarebbe possibile coltivare fino a tre piante femmine - quelle che producono le cime psicoattive - e detenere fino a 15 grammi di marijuana in casa e 5 grammi fuori.

Secondo il senatore cinquestelle, un altro lato positivo della legalizzazione della cannabis sarebbe controllare tutta la filiera. Tanto più che, come dice il senatore Matteo Mantero, "l'alcool ha un indice di pericolosità 114 superiore alla cannabis, seguito da eroina, cocaina e tabacco". Si tratta di una iniziativa già ben avviata negli Stati Uniti, dove alcuni stati (tra cui Colorado, Oregon e Alaska) hanno legalizzato la produzione e la vendita della marijuana per uso ricreativo, ma anche in Europa con Amsterdam e la più recente Spagna che hanno aderito al "Cannabis Club". La proposta prevede anche di alzare i limiti di Thc - la sostanza psicotropa che è il principale principio attivo della canapa, nonché quello con valore legale per stabilire la legittimità della commercializzazione - per la cannabis legale (da 0,2% a 1%), e di togliere le sanzioni per la cessione gratuita di piccole dosi di marijuana tra maggiorenni.

- disciplinare le condotte illecite prevedendo una differenziazione di pena in relazione alla tipologia delle sostanze (droghe pesanti, droghe leggere). Mantero sottolinea che ogni anno in Italia 5 milioni di persone fanno uso di hashish e marijuana e che il 70% degli italiani è d'accordo sul fatto che "sia insensato perseguire chi si fuma uno spinello, visto che la marijuana non fa male come invece l'alcool e il tabacco".

Legalizzare la coltivazione, la lavorazione e la vendita di cannabis e suoi derivati. Un ulteriore problema che si risolverebbe con la legalizzazione. La scoperta è preoccupante: il 91% di questi prodotti è contaminato. "Nel mercato illegale questa sostanza viene tagliata con sostanze di vario tipo per fare aumentare il perso ed avere ulteriori profitti". Nei campioni sono stati trovati ammoniaca, lacca, lana di vetro, piombo, alluminio, ferro, cromo e cobalto; senza considerare che, essendo la cannabis è una pianta "spazzina" in grado di drenare inquinanti dai terreni - molto spesso è utilizzata per le bonifiche. "Molti, me compreso, ritengono invece la legalizzazione dell'autoproduzione e uso personale della cannabis una priorità che produrrà con una sola mossa ingenti risparmi economici per il nostro paese, infierirà un colpo non indifferente alla criminalità organizzata, ma soprattutto migliorerà la salute pubblica e quindi ancora una volta porterà ad un risparmio per le tasche di tutti i cittadini italiani e non solo per chi ne fa uso".