Mondiale per club di volley: finale italiana

Mondiale per club di volley: finale italiana

Il Fakel reagisce con Volkov e Iakovlev sino al 10-9, prima che i gialloblù con Kovacevic in zona di battuta riallarghino la forbice (16-11).

Si ferma ancora in Finale il percorso della Cucine Lube Civitanova nel Mondiale per Club 2018.

Ma gli adriatici pagano in freddezza e lucidità e così i dolomitici, abituati a questi palcoscenici dopo i numerosi titoli conquistati fino a qualche anno fa, riprendono nuovamente in pungo l'incontro, portando a casa i successivi due parziali che valgono il titolo mondiale. Il Fakel si innervosisce, soffre in ricezione e fatica in attacco: Trento dilaga (20-11 e 23-13) portandosi a casa in fretta il punto della parità nel computo dei parziali (25-14 con Vettori scatenato a rete). Dopo l'affermazione in tre set sugli iraniani dell'Aradakan, alla Hala Podpromie di Rzeszow la formazione di Angelo Lorenzetti ha concesso il bis. Tante le vittorie italiane dalla prima edizione disputata nel 1989: nell'albo d'oro, infatti, figurano anche i successi di Parma, Milano e Ravenna, prima del dominio trentino che ricomincia di nuovo.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 20, D'Hulst, Marchisio (l) n.e., Juantorena 19, Massari, Stankovic 9, Diamantini n.e., Leal 14, Sander n.e., Cantagalli, Cester, Simon 13, Bruninho 3, Balaso (l). All. Simon trova un turno impressionante al servizio farcito da quattro battute-punto che riconsegnano il vantaggio ai cucinieri (11-8).

Diretta in maniera magistrale da Giannelli in regia (che ha fatto attaccare i suoi col 70% di squadra, subendo un solo muro!), la Trentino Diatecx ha sciolto la tensione a partire dal secondo set diventando sempre più protagonista in campo e mettendo all'angolo i russi, travolti dall'onda d'urto a rete di Kovacevic (best scorer assieme a Udrys con 18 punti), Vettori (16 col 74%) e Russell (14 realizzazioni col 72%). La Lube reagisce con i muri di Leali e Stankovic su Kovacevic (22-23) e poi pareggia i conti con un altro grande block di Simon su Russell (22-25). I gialloblù rispondono con Russell in attacco (15-15) e poi allungano con Kovacevic al servizio (19-15). E' lo spunto decisivo; il set si chiude già sul 25-18 con l'attacco finale di Aaron Russell: Campioni del Mondo! In finale siamo stati più bravi degli avversari, meritando la vittoria che ci dà sicuramente energia ma anche stabilità.