Manovra, nuovo congedo di maternità: si potrà lavorare fino al parto

Manovra, nuovo congedo di maternità: si potrà lavorare fino al parto

Importanti novità sono in arrivo con la manovra finanziaria per le neo-mamme lavoratrici. La modifica infatti, che essendo presentata dal partito di maggioranza sarà quasi sicuramente approvata definitivamente, prevede che le neomamme lavoratrici possano (previo parere medico) chiedere di lavorare fino alla fine della gravidanza e poi usare i cinque mesi di maternità dopo il parto. Il nuovo schema, ribattezzato maternità 'agile', è "in alternativa" allo schema tradizionale che impone la sospensione dall'attività lavorativa nei due mesi prima del parto e nei 3 successivi o 1 mese prima e nei 4 successivi (maternità flessibile).

Un altro emendamento alla manovra approvato in commissione prevede che, nel 2019, il congedo obbligatorio per i papà salga a cinque giorni, rispetto ai quattro attuali. Viene prorogata anche la possibilità di astenersi dal lavoro un ulteriore giorno in sostituzione della madre.

Bonus asili nido - Sale da 1.000 a 1.500 euro annui e viene esteso fino al 2021 il bonus per l'iscrizione agli asili nido pubblici o privati.

E si continua: "Quanto proposto mina la libertà delle donne, soprattutto di quelle più precarie e meno tutelate, che in Italia, purtroppo, sono sempre più numerose e rischierebbero così di trovarsi di fronte a veri e propri ricatti del datore di lavoro".