Inizia l’era del modem libero, cosa cambia

Inizia l’era del modem libero, cosa cambia

Ma cosa cambierà effettivamente per gli utenti e che cos'è la delibera modem Libero? Entro il primo periodo del 2019, tutto dovrebbe già essere pronto (come appena spiegato, dubitiamo ci saranno ripercussioni traversali nei confronti degli utenti, che in questo caso possono dormire sonni tranquilli).

Ancora, i modem forniti dagli operatori sono spesso soggetti a limitazioni non presenti su modelli alternativi, o comunque hanno caratteristiche non ottimali rispetto ai competitor sul mercato che costano uguale se non addirittura meno.

Le aziende potranno continuare a proporre delle offerte che includono un canone di abbonamento per l'utilizzo del modem, ma dovranno rendere chiaro al cliente-consumatore finale il costo effettivo della sola apparecchiatura.

Esattamente come TIM, anche Vodafone ha deciso di non sfruttare la proroga al 31 dicembre per aderire alla delibera AGCOM sul modem libero.

Di conseguenza, gli accordi tra i fornitori e gli utenti finali sulle condizioni e sulle caratteristiche commerciali e tecniche dei servizi di accesso a Internet (prezzo, volumi di dati o velocità, e pratiche commerciali) non dovranno limitare l'esercizio dei diritti degli utenti finali di utilizzare apparecchiature terminali di loro scelta. Questa regola è di fatto già in vigore per i nuovi contratti che verranno stipulati in questo mese di dicembre, mentre per tutti gli altri in essere il 31 dicembre rappresenterà la data in cui scatterà la possibilità di poter utilizzare il proprio modem preferito. Inoltre, anche per consentire ai clienti di effettuare un confronto, gli operatori telefonici dovranno rendere disponibili delle offerte parallele senza l'inclusione del modem.

Come aveva promesso, Fastweb ha organizzato una pagina informativa riguardante i "modem alternativi", specificando tutti i parametri di rete "per una corretta configurazione della connessione ad Internet su rete Adsl, Vsdl e Fibra". Non solo. Visitando la sezione "trasparenza tariffaria" sul sito di TIM si apprende che l'ex monopolista ha cominciato a porre in vendita offerte di connettività prive di modem e del servizio TIM Expert.

Adnkronos evidenzia che Tim si è attrezzata per adeguarsi alla delibera, nonostante ne avesse chiesto la sospensione. E dal primo dicembre garantirà alla clientela il diritto di scegliere il terminale per l'accesso ad Internet.

In sintesi, modem libero significa autonomia nella scelta dell'apparecchio più congeniale alla diffusione del segnale, una maggiore versatilità nel passaggio da un operatore all'altro e, in alcuni casi, un risparmio sui costi che finora erano stati caricati sulle spalle dei consumatori per servizi non necessari.

Il modem gratis, o meglio, in comodato d'uso gratuito, è quindi una soluzione che garantisce un'ottima esperienza di utilizzo da parte del cliente dei servizi del proprio provider senza dover spendere soldi per l'acquisto del dispositivo, a patto che il dispositivo venga restituito in caso di portabilità ad altra compagnia o disattivazione della linea.