Gabriel Garko è omosessuale? L’attore parla a Chi: "Stanco di dover smentire"

Gabriel Garko è omosessuale? L’attore parla a Chi:

Gabriel Garko racconta a Chi che nella sua vita sono cambiate moltissime cose, sia dal punto di vista lavorativo che affettivo. Ed ecco poi la dichiarazione sul topic "Gabriel Garko omosessuale" e sulle presunte relazioni "finte" che negli anni avrebbe mantenuto con varie donne solamente per apparenza.

Nel corso dell'intervista rilasciata al settimanale di gossip, l'artista l'ha specificato: "Di me si è sempre detto tutto, compresa la leggenda sulla mia omosessualità". E in questo periodo di ritiro mi sono finalmente ritrovato e sono tornato più forte di prima.

Recentemente Garko era finito nella polemica a causa del suo viso, che molti avevano criticato insinuando un intervento eccessivo della chirurgia, e a causa dei suoi gusti sessuali, sebbene lui non abbia mai fatto alcuna dichiarazione in merito. "Chi è risolto non avrà mai bisogno di tacciare qualcun altro di quello che non è, come se poi fosse deplorevole essere omosessuale", dice Gabriel Garko. Non mi importa nulla del tempo che passa e l'idea che uno debba sposarsi e fare figli entro una certa età per compiacere una parte della società. È questo il caso della leggenda metropolitana legata alla sua omosessualità, un falsità che si è ormai stufato di dover smentire.

Il modello e attore Gabriel Garko si è stancato di rispondere alle continue illazioni sul suo conto, ammettendo al contempo di "essere definitivamente cambiato" e in pace con sé stesso. "Semplicemente non fa per me". Ho tagliato via i rami secchi, ho messo virgole dove serviva un punto e vicino a me ho scelto di avere solo due tipi di persone: "quelle con le quali sto bene e condivido tutto e quelle di cui beneficio a uso e consumo", ha aggiunto Garko. "Il mio rapporto con i social è cambiato perché non voglio far parte del gioco al massacro e della condivisione forzata". Quanto alla sua bellezza, Gabriel afferma: "La mia bellezza è stata sempre un limite, ma più per gli altri che per me".