F1: Arrivabene, la nuova Ferrari il 15 febbraio

F1: Arrivabene, la nuova Ferrari il 15 febbraio

Parlando di qualcosa che è di fronte a noi ora: abbiamo regolamenti per il prossimo anno. Lo ha annunciato in occasione della cerimonia di consegna dei "Caschi d'oro 2018" e dei "Volanti Aci", Maurizio Arrivabene. "Ecco il mio augurio è che la fortuna ci assista un po' di più nella stagione che verrà". "Il 15 febbraio presenteremo la vettura e tutto dovrà essere pronto per quel giorno." .

La monoposto verrà svelata, non è stato chiarito ancora con quali modalità, venerdì 15 febbraio, pochi giorni prima dell'avvio della prima sessione di test invernali, in scena a Barcellona dal 18 al 21 febbraio. Naturalmente è presto per dare un quadro complessivo della macchina, si stanno facendo delle simulazioni e lavoriamo al simulatore, ma il vero banco di prova è solo la pista. I tecnici si stanno impegnando moltissimo per completare la vettura entro il 15 febbraio. "Abbiamo alcune informazioni dai ragazzi che lavorano sul simulatore, ma è ancora troppo presto per parlare delle prestazioni".

Da notare due cose nelle dichiarazioni di Arrivabene.

Finita la stagione, l'attenzione inizia a spostarsi verso la prossima, quella che vedrà rinnovarsi la sfida tra Ferrari e Mercedes.

Inoltre è opportuno sottolineare come Maurizio Arrivabene abbia citato - e non poteva essere altrimenti - anche il lavoro svolto da Mattia Binotto, segno evidente del fatto che le tensioni riportate dai media nelle settimane scorse potrebbero essere state appianate in vista di un futuro lavoro di team più sereno.

La nuova Ferrari, che avrà l'obbligo di lottare fino all'ultima gara con la Mercedes per riportare a Maranello un titolo che manca dal 2008 - ultimo anno in cui la scuderia italiana, grazie a Felipe Massa e Kimi Raikkonen riuscì a vincere il mondiale costruttori - e che la passata stagione è sfuggito per errori sia dei piloti sia del muretto.