"Dio esiste, io l'ho sperimentato" 3 milioni per una lettera di Einstein

L'anno scorso, ad un'asta a Gerusalemme, un noto manoscritto sulla felicità ha raggiunto il prezzo di vendita di 1,56 milioni.

La lettera è rivolta al filosofo tedesco Eric Gutkind, in risposta al suo libro del 1952, "Choose Life: The Biblical Call to Revolt", che lesse per volere del matematico e filosofo olandese L.E.J. In precedenza, nel 2002, la storica lettera che avvertiva l'allora presidente degli Stati Uniti, Franklin Delano Roosevelt, dello sviluppo delle armi nucleari fu venduta a Christie's per poco più di due milioni di dollari. "La parola Dio per me non è altro che espressione e prodotto della debolezza umana, la Bibbia una collezione di leggende giuste, ma ancora primitive, che ciò nondimeno sono abbastanza puerili", scrisse.

Il premio Nobel per la fisica aveva scritto diverse lettere in cui affrontava il tema di Dio e dell'ebraismo, la religione in cui era nato e cresciuto. In una biografia del 2008 proprio lui ha spiegato: "Nessuno dovrebbe basarsi solo su una lettera per risolvere i dubbi sull'idea di Einstein sull'esistenza di un essere supremo". Il rispetto di Einstein verso la religione non gli preclude uno sguardo di sincerità.

Nonostante queste sue posizioni, Einstein non si è mai definito ateo, e nella lettera fa riferimento al "nostro meraviglioso Spinoza", filosofo olandese del diciassettesimo secolo per il quale Dio, la natura e la necessità coincidono, ma per il quale Dio non si interessa del destino e delle azioni dell'umanità. Voglio sapere come Dio creò questo mondo. Sempre nel mese di maggio di quell'anno sembra che un compratore che è rimasto anonimo battè l'ateo britannico Richard Dawkins, pagando l'equivalente di 404 mila dollari per il documento.

Siamo davanti infatti alla più celebre delle lettere di Einstein, la cosiddetta "Lettera su Dio", dove lo scienziato espone in toni molto riflessivi e anche mansueti il suo punto di vista di uomo e di scienziato rispetto al mistero dell'universo. Poi tale lettera era stata offerta circa sei anni fa su ebay per circa tre milioni di dollari, ma quell'operazione in quella circostanza non andò in porto.