Blocco delle importazioni dei dispositivi Apple in Cina: vittoria di Qualcomm

Blocco delle importazioni dei dispositivi Apple in Cina: vittoria di Qualcomm

Secondo quanto riferito proprio da Qualcomm e riportato dalla stampa americana, è stato infatti deliberato che Cupertino ha infranto due brevetti Qualcomm e Pechino ha così emesso un'ingiunzione che vieta le vendite di alcuni modelli di iPhone in Cina.

Si surriscalda lo scontro tra Apple e Qualcomm.

Mentre Qualcomm ha celebrato la vittoria, Apple ha immediatamente voluto ridimensionare la "gravità" del provvedimento spiegando che l'utilizzo di iOS 12 permette l'automatico superamento delle contestazioni in materia di brevetti.

Immediata la risposta dell'azienda di Cupertino: "Lo sforzo di Qualcomm di vietare i nostri prodotti è l'ennesima disperata mossa da parte di una società che è sotto indagine per le sue pratiche illegali - in molti paesi - Tutti i modelli di iPhone restano disponibili per i nostri clienti in Cina". Apple continua a beneficiare della nostra proprietà intellettuale e allo stesso tempo si rifiuta di indennizzarci.

Il tribunale di Fuzhou ha riconosciuto nella giornata di ieri la richiesta di Qualcomm sul divieto all'importazione e vendita dei terminali da iPhone 6 ad iPhone X in Cina, poiché ritenuti in violazione di due brvetti Qualcomm. "Queste disposizioni del tribunale sono l'ulteriore conferma della forza del vasto catalogo brevetti di Qualcomm" ha comunicato la società in una nota.

"Diamo un grande valore ai rapporti con i nostri clienti, raramente ricorriamo ai tribunali, ma abbiamo anche la convinzione costante della necessità di proteggere i diritti sulla proprietà intellettuale", ha affermato Don Rosenberg, vicepresidente esecutivo e consigliere generale di Qualcomm.