Roma, Monchi: "Rigore ingiusto, il Var c'è e va utilizzato"

Roma, Monchi:

LA PROTESTA - "Non è la prima volta che si è protagonisti con noi - continua Monchi a Sky -, ricordo il rigore non fischiato a Perotti contro l'Inter". Non ho mai parlato dell'arbitro e non voglio farlo, lui non è responsabile perché in campo è difficile, ma c'è il Var che io difendo a oltranza e va usato, il rigore non c'era. So che nessuno lo fa apposta, ma agli arbitri chiedo solo questo. Dobbiamo fare una riflessione, noi non parliamo mai di arbitri nonostante gli episodi con Napoli e Spal. Questa non può non essere una situazione del VAR, l'arbitro non è l'ultimo responsabile, c'è una persona che sta tranquilla e seduta e deve invitare l'arbitro a rivedere l'errore. Forte la presa di posizione della Roma che ha inoltre deciso di non mandare in sala stampa il tecnico Eusebio Di Francesco per rispondere alle domande dei giornalisti.

Non ci sta il direttore sportivo della Roma Monchi, che nel dopopartita del Franchi esprime la propria rabbia per il calcio di rigore concesso alla Fiorentina che è valso il momentaneo vantaggio viola firmato da Jordan Veretout. Volevamo vincere, siamo venuti qui per questo e dispiace per tutti i nostri tifosi che hanno fatto sentire il loro calore come sempre. "Non abbiamo avuto la precisione necessaria a chiudere la partita e magari mancano punti, ma la squadra è stata equilibrata, perché soffrire è normale, ma anche un po' sfortunata". Ogni volta che guardo l'episodio mi arrabbio. Credo sia entrato abbastanza bene. Non sono d'accordo, è un errore chiaro.