Reddito di cittadinanza, l'analisi: "Andrà a meno del 7% delle famiglie ravennati"

Reddito di cittadinanza, l'analisi:

A Crotone, per esempio, quasi una famiglia su tre ha un Isee sotto 9mila euro, così da rientrare nel perimetro della misura annunciata dal governo. Il 49 per cento delle famiglie che riceveranno il reddito minimo è nel Sud Italia. Si tratta, ha spiegato il presidente dell'Istat Franzini, di poco più di 5 milioni di individui: "l'8,4% dell'intera popolazione (il 7% del Nord, il 6,4% del Centro e l'11,4% del Mezzogiorno)".

La provincia italiana in cui si registra il numero più alto di famiglie bisognose è Crotone, in Calabria, con 19.500 famiglie interessate, raggiungendo una percentuale del 27,9% sul totale. Ma ci sarebbe un vantaggio anche per i datori di lavoro che risparmierebbero dal 30% al 60% sul costo del lavoro pur potendo avere comunque la stessa prestazione lavorativa.

Secondo Unimpresa, l'effetto finale della misura sul reddito di cittadinanza andrebbe in netta controtendenza rispetto agli obiettivi perseguiti dal governo: non si creerebbe nuova occupazione, ci sarebbe un boom del lavoro nero e si registrerebbero casi di frode a danno della finanza pubblica.

Senza dimenticare che non è ancora chiaro come dovranno essere strutturate le agenzie per il lavoro chiamate a offrire opportunità ai percettori del reddito di cittadinanza.

Secondo un sondaggio di Unimpresa, infatti, chi ha un reddito mensile inferiore a 1.000 euro infatti potrebbe accettare di buon grado il licenziamento per accedere al reddito di cittadinanza che ha un assegno mensile fino a 780 euro e continuare a lavorare ma in nero con il vantaggio di poter percepire un assegno complessivo superiore alla paga regolare. Dal sondaggio di Unimpresa fra le oltre 100.000 associate, è emerso che i settori più "interessati" sono: commercio turismo, agricoltura, servizi di manutenzione e di pulizia. Aiutare chi è in difficoltà, prima con un sussidio e poi con l'offerta di lavoro. "E' evidente che le distorsioni sono facilissime e a portata di mano, meglio dirselo subito", commenta.