Melbourne, uomo accoltella tre passanti: un morto. Ucciso l'aggressore

Melbourne, uomo accoltella tre passanti: un morto. Ucciso l'aggressore

Un uomo originario della Somalia e noto ai servizi di intelligence ha compiuto un attacco con un coltello, uccidendo una persona e ferendone altre due nel cuore di Melbourne. Secondo alcune ricostruzioni il fuoco dentro al pick up dell'uomo sarebbe stato provocato da un ordigno esplosivo lanciato dallo stesso proprietario dentro il mezzo.

Un ragazzo, che era in una libreria vicina, ha detto di aver sentito un forte rumore e di aver inseguito l'uomo armato di coltello.

L'Isis, tramite la sua agenzia Amaq, ha rivendicato l'attacco di oggi a Melbourne, in Australia. Poi l'aggressione ai passanti.

Immediato l'intervento della polizia, che è intervenuta dopo una chiamata per un'auto in fiamme.

Centinaia di agenti sono accorsi sul posto.

Per la polizia australiana si tratta di un episodio di "terrorismo", secondo quanto dichiarato dal capo della polizia, Graham Ashton, in una conferenza stampa. I poliziotti hanno risposto sparando al loro aggressore all'altezza del petto. Uno degli agenti, come mostrano i video amatoriali girati dalle persone che si trovavano in strada o all'interno di negozi in quel momento, avrebbe provato a bloccare l'uomo con un taser, senza riuscirci. Per mettere in sicurezza la zona, tuttavia, la polizia dello Stato di Victoria ha diffuso questo tweet: "La dinamica dei fatti è ancora da chiarire. L'area è stata chiusa e le persone sono invitate a non avvicinarsi".