Lazio, Mirabelli confessa: "Ecco chi volevamo portare al Milan..."

Lazio, Mirabelli confessa:

L'ex direttore sportivo del Milan Massimiliano Mirabelli dagli studi di Sportitalia ha parlato della conferma di Vincenzo Montella e dei contatti con Antonio Conte: "Arrivammo il 16 di aprile, nel derby contro l'Inter, e abbiamo finito la stagione, una stagione complicata, con Montella che aveva fatto un buon lavoro". Mentre lavoravo per portarlo a Milano dovevo sentire anche le richieste del tecnico Montella, che riteneva Kalinic la sua prima scelta.

"Noi trattavamo altri quattro attaccanti che erano Benzema, Morata, Higuain e Immobile. Mi spiace per Andrè Silva, avrà un futuro importante". Mino ha fatto tante cose con il Milan e aveva un approccio diverso, era abituato in maniera differente. "I toni a volte sono stati abbastanza accesi, anche a Montecarlo in casa sua". E' vero, però, che ci abbiamo riflettuto non poco.

Sul rapporto con Mino Raiola: "Non c'è un odio o una guerra fra di noi, ognuno cercava di tutelare i propri interessi". Andava ringiovanito e alcuni giocatori - ha proseguito - non hanno ancora espresso tutto il loro valore, ci vuole tempo. "Ce lo offrirono anche a noi e dicemmo di no perché il Milan ha la necessità di acquistare giocatori per un nuovo ciclo e Ibrahimovic nonostante sia un campione a livello anagrafico non rientra in quest'ottica". "Ma non so se Monchi andrà via o meno".

Mirabelli:
Mirabelli: “Volevo prendere Aubameyang, ma la scelta di Montella fu Kalinic. Biraghi…”

Sul fratello di Donnarumma: "Il suo milione?" Reina? E' importantissimo perché è stata un'opportunità in un momento in cui eravamo quasi sotto ricatto da parte di Raiola su Donnarumma.

"Paquetà? Lo conoscevo anch'io, è un giocatore di buon talento ma non ci avrei fatto un grande investimento. Potrà avere un futuro importante". L'ex ds ha poi speso belle parole per Rodriguez, "un giocatore che non ruba l'occhio ma è uno dei migliori per interpretazione del ruolo. Il primo finora ha fatto vedere il 40% delle sue qualità, ha grandissimo talento".