L'Antitrust può sanzionare Ryanair: "Non ci ha obbedito sul bagaglio a mano"

L'Antitrust può sanzionare Ryanair:

Le due compagnie aeree, però, non hanno rispettato i provvedimenti cautelari rientrando nelle tempistiche richieste, ecco quindi che l'antitrust prosegue la procedura di inottemperanza sulla politica dei bagagli a mano delle due compagnie aeree.

Lo scorso 31 ottobre l'Antitrust, a seguito dell'avvio di un procedimento istruttorio, aveva disposto in via cautelare la sospensione della nuova policy bagagli a mano delle compagnie low-cost Ryanair e Wizz Air.

Secondo l'Autorità il supplemento previsto "fornisce una falsa rappresentazione del reale prezzo del biglietto e vizia il confronto con le tariffe delle altre compagnie, inducendo in errore il consumatore". "Ho trovato un vecchio cappotto e l'ho portato dal sarto per sistemarlo in modo che potesse contenere l'intero contenuto di un bagaglio a mano", afferma Cimino nel video.

"Di fronte al comportamento incomprensibile assunto dai due vettori aerei, era inevitabile il procedimento di inottemperanza da parte dell'Antitrust, così come inevitabili saranno ora le azioni legali del Codacons a tutela dei passeggeri italiani delle due compagnie aeree - spiega l'associazione -".

Stiamo parlando di Ryanair e Wizz Air, due vettori che, nonostante fossero stati oggetto di provvedimento cautelare per il supplemento di prezzo - rispetto alla tariffa standard - per il bagaglio a mano grande (trolley o zaini), non si sono adeguati alle richieste dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con un conseguente danno alle tasche dei consumatori.

"Ora ci vogliono sanzioni esemplari - sottolinea Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori -. Non è possibile che nel nostro Paese le sospensive e le delibere delle Autorità siano sistematicamente violate, dalle compagnie aeree a quelle telefoniche". Non è tollerabile che chiunque possa fare come gli pare, calpestando i diritti dei consumatori.

"Urge anche una modifica legislativa, che innalzi il potere sanzionatorio delle Authority, stabilendo ad esempio il principio di sanzioni sempre superiori all'illecito guadagno".