Cambia preghiera del Padre Nostro: "Non abbandonarci alla tentazione"

Cambia preghiera del Padre Nostro:

La nuova versione dice: "Non abbandonarci alla tentazione".

IL NUOVO TESTO Ecco il nuovo testo della preghiera del 'Padre Nostro', la più famosa e per i cristiani, e anche la più importante perché trasmessa direttamente da Cristo, come riportano i Vangeli. Ad annunciare la modifica nel versetto finale è stata la Cei. La modifica del versetto è stata incoraggiata anche da Papa Francesco, che ha detto di non trovare consona la traduzione che era stata adottata finora: Dio "non induce in tentazione", aveva rimarcato, facendo notare che per quel versetto specifico non era stata fatta "una buona traduzione".

Al termine dell'assemblea generale dei vescovi in corso a Roma, la Conferenza episcopale italiana ha annunciato che il testo della nuova edizione del Messale romano sarà sottoposto alla Santa Sede "per i provvedimenti di competenza, ottenuti i quali andrà in vigore anche la nuova versione".

Le modifiche alle due preghiere sono sottoposte all'approvazione della Santa Sede, ma non c'è dubbio che Papa Francesco le approvi, perché è stato proprio lui a porre pubblicamente la questione. Nella nuova versione del Padre Nostro, al posto di "non ci indurre in tentazione", è stato inserito "non abbandonarci alla tentazione". Ma questi tempi non dovrebbero essere troppo lunghi e, chi vorrà, potrà anche cominciare a recitare il nuovo Padre Nostro da subito.

La nuova edizione italiana del Messale Romano dovrà ottenere prossimamente la conferma da parte della Congregazione per il culto divino.